Questo sito utilizza i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito. Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies. Scopri di più

x
Seguici su
2011-12-29
L'OLIO DI OLIVA AMICO DELLA TUA SALUTE

L’olio di oliva risponde a questi requisiti

Un alimento, oltre ad essere genuino, di buona qualità e gradito al palato, deve possedere i requisiti di una perfetta idoneità nutrizionale.

Studi di confronto tra individui a diverso regime alimentare hanno infatti dimostrato che le popolazioni del bacino mediterraneo presentano una percentuale di mortalità per infarto del miocardio nettamente inferiore a quella delle popolazioni del nord Europa e del nord America. Tale protezione non è legata a diversità genetiche poiché gli italiani ed i greci che emigrano in America e si adeguano alle nuove abitudini alimentari finiscono con il perdere la protezione di cui godevano in patria e vanno incontro alle malattie cardiovascolari nella stessa misura degli americani di origine nordeuropea.

In che cosa differisce il modello alimentare americano rispetto a quello mediterraneo ?

In un maggior consumo di grassi e di alimenti in genere, ma soprattutto in un maggior consumo di alimenti di origine animale. Tutti gli alimenti animali contengono colesterolo. In quantità più o meno elevata, assente invece negli alimenti di origine vegetale. L'aspetto più importante è però legato alla differente composizione in quanto i grassi animali contengono prevalentemente acidi grassi saturi, mentre i grassi vegetali (più precisamente chiamati "oli") contengono prevalentemente acidi grassi insaturi.

I grassi saturi sono solidi a temperatura ambiente (burro, lardo, strutto), i grassi vegetali sono invece fluidi (olio di oliva e di semi). Un olio vegetale sarà tanto più fluido quanto maggiore sarà la sua insaturazione. Gli oli di semi sono generalmente altamente insaturi, l'olio di oliva presenta una insaturazione intermedia. Gli acidi grassi saturi aumentano i livelli del colesterolo nel sangue indipendentemente dalla quantità di colesterolo presente nella dieta. Al contrario, gli acidi grassi insaturi abbassano i livelli del colesterolo. Accertato che è consigliabile limitare i grassi saturi, è preferibile assumere gli oli altamente insaturi o preferire quelli a insaturazione intermedia come l'olio di oliva? La ricerca scientifica moderna tende a consigliare di non eccedere con gli oli vegetali ricchi in polinsaturi e di preferire quelli mediamente insaturi (ricchi in acido oleico, monoinsaturo) in quanto una eccessiva insaturazione può favorire la formazione di radicali liberi.

Cosa sono i radicali liberi ?

Sono composti instabili e fortemente reattivi che si formano abitualmente inattivati i radicali liberi possono provocare effetti nocivi anche rilevanti all'organismo.

Uno dei bersagli preferiti dei radicali liberi è costituito dagli acidi grassi polinsaturi, mentre scarsamente attaccati sono gli acidi grassi monoinsaturi come l'acido oleico, costituente principale dell'olio di oliva.

 

Come ci si può difendere dai radicali liberi ?

Sicuramente attraverso l'assunzione di oli ad insaturazione intermedia in quanto più resistenti di quelli ad alta insaturazione, ma una perfetta protezione si può avere attraverso l'assunzione con l'alimentazione di sostanze cosiddette "antiossidanti".

 

Che cosa sono e dove si trovano le sostanze antiossidanti ?

Alcune vitamine, come l'a-tocoferolo, il b-carotene e l'acido ascorbico. Notevole attività antiossidante è poi quella svolta dai carotenoidi e dai composti fenolici.

Queste sostanze si trovano in generale nei vegetali freschi e nella frutta.

L'olio di oliva, unico olio che si ricava da un frutto, è particolarmente ricco in queste sostanze ed esercita perciò una potente azione antiossidante.

Quali sono i danni principali svolti dai radicali liberi ?

I radicali liberi favoriscono l'invecchiamento cellulare, l’arterosclerosi, la demenza senile, l'infarto del miocardio e le cardiopatie ischemiche in genere, le artropatie infiammatorie, la psoriasi, alcune forme tumorali.

Questi sono i danni principali, ma molti altri organi ed apparati ne vengono danneggiati. È comunque soprattutto l'evoluzione del processo di invecchiamento che viene favorita dalla loro azione.

I radicali liberi si formano costantemente nell'organismo durante tutto l'arco della vita e pertanto durante tutto l'arco della vita dobbiamo proteggerci attraverso l'assunzione di alimenti che ci assicurino un'efficace azione protettiva.

Per la sua composizione equilibrata e l'elevato patrimonio in sostanze antiossidanti, l'olio di oliva rappresenta uno di questi alimenti.

L'assunzione quotidiana di olio di oliva extravergine ci permette quindi di sperare in una vita serena, sana e longeva.

 

 

Fonte: Consiglio Oleicolo Internazionale